Si parte con la campagna di crowdfunding. L’obiettivo è la promozione del progetto sul territorio nazionale e internazionale.

Dal 6 al 20 maggio torna a Napoli Wine&Thecity il fuori salone del vino nato nel 2008 e diventato negli anni la più originale e vivace rassegna di creatività urbana.Alla sua VIII edizione, Wine&Thecity si rinnova e pensa in grande: nuova immagine, nuovo sito web e nuovi progetti a partire dalla campagna di crowdfunding partita il 23 gennaio sulla piattaforma internazionale KissKissBankBank.

L’edizione 2015 rientra nel calendario degli eventi speciali di NAPOLIperEXPò e punta all’internazionalizzazione della rassegna e ad una serie di azioni per favorire l’incoming turistico in città. “Vivi l’#ebbrezza di Napoli, la città più irrazionale che esiste” è lo slogan della rassegna. #ebbrezza è la parola chiave 2015, ebbrezza della scoperta, dell’uscire, dell’arte, della parola, del viaggio. Per l’edizione 2015 si amplia l’arco temporale della rassegna che coprirà 15 giorni, dal 6 al 20 maggio, tra “eventi OFF” e “circuito on the road”. Si amplia lo spazio geografico e il numero dei luoghi coinvolti: dal sottosuolo al mare, dalle vigne metropolitane alle vie dello shopping. Partecipano palazzi storici e sedi museali, case private, atelier d’artisti, alberghi, negozi e gallerie d’arte e design, ristoranti e pizzerie. Si arricchisce l’offerta culturale tra performance d’arte, flash mob, teatro, itinerari urbani, degustazioni Wine&Thecity è oggi una grande occasione per la città, un momento in cui energie creative si uniscono per dar luogo a due settimane di appuntamenti dove arte, moda, shopping, gastronomia, design si incontrano in un dialogo continuo e stimolante. Diverse competenze, eccellenze, espressioni artistiche si mettono in gioco con un insieme di linguaggi. L’immagine 2015, disegnata da Maria Luisa Firpo, graphic design, associata Aiap (Associazione italiana design della comunicazione visiva) e membro Beda (Bureau of European Designers’ Associations), vuole raccontare la complessità, la diversità, il gioco e la contaminazione della rassegna che negli anni si è arricchita di numerosi contributi artistici e creativi. <Il percorso progettuale ha preso spunto dalla parola chiave più rappresentativa di Wine&Thecity: CONTAMINAZIONE>, spiega MariaLuisa Firpo. <Il concept che sottende al progetto è quello degli insiemi matematici. Ho paragonato ogni ambito della rassegna ad un insieme matematico: ogni tema ha così una propria individualità, ma anche zone in comune con gli altri, punti di contatto, in cui gli elementi si mischiano e si contaminano. Ogni insieme è rappresentato da un cerchio, emblema del movimento, perché Wine&Thecity è da sempre una manifestazione in movimento. Il risultato è un insieme di cerchi colorati su fondo bianco che si sovrappongono e si contaminano nei punti di contatto. Per connotare gli ambiti ho preferito le parole alle icone e dunque: design, arte, gusto, moda, parole, musica, bellezza>. Wine&Thecity nasce da un’idea di Donatella Bernabò Silorata e vede all’opera un team tutto al femminile. È una festa mobile, un evento diffuso e in movimento, una rassegna di creatività urbana che si reinventa ogni anno. È un’azione collettiva che mette in rete menti creative e in moto la città di Napoli. Azioni di arte pubblica, vernissage, performance, aperitivi, cene e degustazioni in case private, teatro in spazi non convenzionali, itinerari urbani insoliti, mostre di fotografia e di design, happening musicali invadono e animano la città per quindici giorni nel mese di maggio. Contaminazione, nomadismo, convivialità nutrono la rassegna.

www.wineandthecity.it  #ebbrezza