Ciao benvenuti su WeloveFood, Come nasce il progetto SingerFood?

SingerFood nasce dalla voglia di raccontarci, di condividere attraverso parole e immagini cosa anima la nostra cucina, i piatti che Pietro ama preparare e la musica che accompagna pranzi e cene.

Siete una coppia anche nella vita, non è che il segreto per un buon blog è l’amore?

Probabilmente sì. Pietro mi ha conquistata preparando una cena tanti anni fa, sapeva che da buona forchetta, quale sono, ci avrei impiegato poco tempo a capitolare. I presupposti con i nostri lettori sono diversi, ma la dinamica è la stessa: ogni ricetta che pubblichiamo è frutto di cura e attenzione, elementi indispensabili se si vuole ottenere un piatto degno di essere ricordato e in questo caso letto e riproposto.

Lui cucina, lei fotografa e i piatti chi li lava?

Kartun-SingerFood-Azione-300x252

Credits Carmelo Garofalo aka Kartun

 I piatti li laviamo entrambi, non abbiamo la lavastoviglie per cui si cerca di tenere sempre il lavello pulito e in ordine, senza sculture realizzate con piatti e tazze impilati.

Sul vostro chi siamo c’è un passaggio che mi ha colpito molto “nella vita vera…”Quindi SingerFood è una realtà in cui vi rifugiate?

Pian piano SingerFood è diventato parte integrante delle nostre giornate, ma quando abbiamo iniziato a curare il blog le nostre vite lavorative erano completamente lontane dal mondo del food, nell’ultimo lungo periodo qualcosa è cambiato e sia io che Pietro abbiamo fatto diventare l’eno gastronomia luogo delle attività che ci assorbono quotidianamente.

Pietro ama cucinare cantando, magari dopo aver suonato, qual è la canzone che rappresenta di più il progetto SingerFood? e la ricetta?

La ricetta che rappresenta sia noi che il blog è sicuramente Orecchiette Mmaritate al Sugo, sapore e profumo della nostra terra. La canzone è Tender dei Blur.singerfoodblog, singerfood

Nel modo in cui raccontate le vostre ricette si nota un rapporto viscerale con la vostra terra: Il Salento. Qual è l’ingrediente che vi ricorda di più questa terra?

Quando nasci e cresci per due terzi della tua vita in un luogo meraviglioso come il Salento non puoi fare a meno di portare sempre con te i suoi colori, i profumi, la tradizione e l’essenza del mare e della terra. Nonostante i tantissimi anni trascorsi a Milano non abbiamo perso il legame viscerale con le origini e in tutti i piatti della nostra cucina c’è sempre un ingrediente che racconta la Puglia: pomodoro, capperi, olio extravergine d’oliva, origano e tanti tanti altri.

Negli ultimi anni sta crescendo sempre più il numero di chef che si cimentano con la tv, vi piacerebbe una versione televisiva di SingerFood?

Abbiamo girato alcune video ricette e ci siamo parecchio divertiti, al momento i progetti sono altri, ma non poniamo limiti alle opportunità

prima che si manifestino.

A volte mi cimento in ricette con risultati non sempre fantastici, ci sono ingredienti con i quali litigo, voi avete mai litigato con qualche ingrediente?

Pietro difficilmente “litiga” con ingredienti o ricette, riesce sempre a gestire nel migliore dei modi anche le preparazioni più complicate; per me è diverso, io amo mangiare, ma cucino per necessità e spesso combino veri e propri pasticci, uno su tutti la panna cotta. Ho provato a cucinarla innumerevoli volte, nonostante la sua estrema semplicità sbaglio sempre le proporzioni delle dosi e il risultato è immangiabile.

SingerFood è uno dei più bei blog del panorama del foodblogging italiano quali sono i vostri progetti per il futuro?

Grazie per il complimento, ci lusinga. Ci sono tante novità, la prima riguarda il mondo dei bambini, siamo diventati genitori da qualche mese e stiamo lavorando a uno spazio nel blog dedicato a loro; un’altra importante novità, invece, non riguarda il mondo virtuale, ma quello reale, Pietro sta per aprire una Trattoria, ancora qualche settimana e potremo raccontarne tutti i dettagli.

Siamo Alla fine, devo chiedervelo ci lasciate una ricetta e una canzone per Welovefood?

Più che una ricetta vi lasciamo con una preparazione veloce: La Frisa. Ingrediente principale la frisa, appunto, da bagnare per ammorbidirla al punto giusto, aggiungete un abbondante cucchiaio di olio extravergine di oliva, pomodorini tagliati a pezzetti, sale e origano. Da mangiare rigorosamente con le mani, al primo boccone vi sembrerà di essere su una spiaggia pugliese al tramonto. Vi suggeriamo di ascoltare “Hurt” interpretata da Johnny Cash.