Nocciole, latte e cacao. Questi semplici ingredienti hanno fatto della Nutella la crema spalmabile più diffusa al mondo. Ma a cosa è dovuto l’enorme successo di questa crema di goduria al cioccolato, dal gusto inconfondibile e inimitabile?

La Nutella nasce nel 1964 dalla geniale intuizione del Signor Michele Ferrero, che ha reso questo prodotto
made in Italy un fenomeno planetario. Il nome deriva dalla fusione del termine “Nut”, dall’inglese nocciola, con la desinenza “-ella”, che esprime la dolcezza con cui la Nutella ha conquistato i palati di grandi e piccini.

Da oltre quarantanni, questa bontà al cioccolato è entrata a far parte delle nostre abitudini alimentari; un prodotto che non può mancare nelle dispense delle nostre case.

Oltre a quella del logo, che è ormai impresso come un tatuaggio nella mente di tutti i fedeli estimatori, soprannominati “nutellari”, anche la scelta del contenitore di vetro ha reso popolare la Nutella. Con il confezionamento in vetro, infatti, la Ferrero è riuscita a guadagnarsi la fiducia del consumatore che ne ha apprezzato non solo la trasparenza, ma anche l’utilità. La possibilità di riutilizzare il barattolo di vetro come semplice contenitore o come bicchiere da tavola ha incoraggiato maggiormente le mamme ad acquistare il prodotto.

Ma anche la comunicazione ha contribuito al successo di questa golosità al cioccolato. Le numerose campagne pubblicitarie promosse dalla Ferrero hanno negli anni sottolineato la genuinità, la semplicità e la naturalezza del suo prodotto.

Grazie al Carosello,  e alle avventure del Gigante Buono e del suo antagonista Jo Condor, la Nutella entra nelle case degli italiani. I suoi slogan, rivolti principalmente alle mamme, mettevano in risalto la purezza del prodotto, un valido nutrimento per la sana crescita dei loro bambini. “Ti ricordi mamma: ieri tua madre ti dava Nutella e oggi la dai al tuo bambino.”

<

La Nutella, quindi, diventa una sana abitudine quotidiana. “Pane e Nutella: energia per fare e per pensare”. Così recitava uno spot degli anni ’90, rimarcando l’importanza della prima colazione e di come la Nutella può contribuire al nostro fabbisogno energetico. Un valido elemento per iniziare bene la giornata, consigliato anche da Claudio Silvestri, il cuoco della nazionale!

<>

Passano gli anni, cambiano i tempi e le mode, ma la popolarità della Nutella resta invariata. Sui di lei sono stati scritti libri e le sono state dedicate canzoni e scene di film importanti. Questa golosità tutta da spalmare è diventa sinonimo di allegria, divertimento, feste e compleanni. Adatta a tutti gli umori, ottimo rimedio per alleviare stress e ansia. Chi non si è sentito appagato affondando il cucchiaino in quel barattolo così accogliente?

La NutellaMania ha davvero contagiato tutti! Una sublime e irresistibile tentazione di cui non si può fare a meno. E alla domanda “Che mondo sarebbe senza Nutella?” è impossibile dare una risposta!