Il fenomeno dei blog, e in particolar modo dei food blogger, è oramai all’apice del successo e per la maggior parte di essi l’idea del blog nasce sempre per pura passione da coltivare. E’ il caso anche di Sara Querzola, 32 enne, Bolognese, sognatrice, curiosa e adottiva, nel cuore, del Trentino Alto Adige, terra che ama come tutta la montagna in generale e che la portano anche ad essere una brava sciatrice e a “ritrovarsi” nel suo mondo fatto di prati, pascoli e cime innevate. Le sue passioni più grandi sono, oltre alla cucina e alla montagna, il vino, la fotografia e i viaggi. Tutti questi interessi la portano a fare viaggi soprattutto culinari in cui scopre le tradizioni, culture e usanze locali oltre ai piatti tipici; esperienze che immortala con la fotocamera e con il suo moleskine nel quale appunta tutti i suoi pensieri da riportare poi nel blog.

I suoi principali viaggi li descrive correlando sempre magnifiche foto. I posti più suggestivi che ha visitato sono in Toscana, in particolar modo la Valdera, zona di campagna, e Casciana in cui ha visitato terme ed è andata a caccia di tartufi, poi a Torino in cui ha notato l’atmosfera regale e magica, i palazzi maestosi, l’ospitalità e l’accoglienza, Puglia e Basilicata dove ha ammirato le estese coltivazioni di ulivi, i trulli di Alberobello, il mare meraviglioso, la “città bianca” (Ostuni) e i sassi di Matera, ed in infine le Langhe dove ha acquistato le nocciole IGP del Piemonte e vini dall’enoteca regionale del Barolo, assaggiando sempre piatti tipici come i tajarin al ragù di carne.

Insieme ai viaggi, nel suo blog (www.fiordifrolla.com),  sono anche elencate le sue collaborazioni con riviste e libri a partire dal 2009 fino ad ora. Le principali sono con il Festival delle Passioni di Mantova, con il blog Voiello, con Spray Style Magazine, con il sito  Vegan Italia, con Seidimoda di Repubblica.it, con il mensile Cucina Moderna, con la rivista “A Tavola”, con  Gastronomiaverde.com, con Scattidigusto.it, con il libro “I buoni sapori d’Italia – Viaggio nelle accademie del gusto”, nella realizzazione del ricettario del Mum5 di Bosch, etc…; da poco collabora anche con “Il cucchiaio d’argento”.

L’idea del suo blog nasce come un diario gastronomico illustrato, creato intorno al 2008 in cui annota sia le sue ricette, le sue esperienze enogastronomiche, i suoi ricordi di infanzia e sia varie tecniche di cucina; tutto correlato sempre con grandi fotografie. Il nome del blog invece, è dato dalla sua passione per gli impasti che profumano di burro, ma in particolar modo da una ricetta che si intitolava “Fiori di frolla”, nome di cui si è innamorata dal primo giorno.

Un altro lato del blog e delle passioni di Sara sono i corsi di cucina che ha organizzato lei stessa a Bologna, divisi in 8 incontri in cui affronta ricette di base sia salate che dolci, strutturando le lezioni con una parte teorica dove illustra tecniche, trucchi e consigli per facilitare la cucina, e una parte pratica in cui si applicano le nozioni precedentemente acquisite. I corsi sono frequentabili anche singolarmente e sono ispirati da grandi chef e food writers italiani e internazionali.

A condire tutte queste grandi esperienze e il blog “dolce” c’è tanta passione che senz’altro trasmette in modo sincero e puro.